***AVVISO IMPORTANTE STUDENTI INTERNAZIONALI***

Si comuni a tutti gli studenti internazionali o studenti italiani residenti all’estero che, come previsto dal nuovo Bando “Disposizioni relative a tasse universitarie, contributi ed esoneri a.a. 2018/2019″ D.R. n. 1014 del 28/06/2018, art. 2 e allegato n°3: “Lo studente straniero o italiano residente all’estero può ottenere la graduazione del contributo universitario e della tassa regionale presentando l’ISEE-U parificato”.

Art.19 Studente internazionale
Lo studente internazionale non idoneo alla borsa di studio paga:
 se indicato, quanto previsto dalla convenzione;
 in assenza di indicazioni esplicite sulla convenzione paga in base all’attestazione
ISEE parificato (vedi allegato n°3),
 nel caso in cui l’attestazione ISEE parificata non sia disponibile può richiedere
l’applicazione di una tassa forfettaria pari ad euro 700€ a titolo di contributo unico,
da corrispondere in rate per come previsto all’art. 5.

ISEE parificato: cos’è e a cosa serve
L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è lo strumento di valutazione del reddito e del patrimonio familiare usato in Italia per valutare la situazione economica familiare di chi richiede prestazioni sociali agevolate. L’ISEE per prestazioni per il diritto allo studio universitario (“ISEE-DSU”) è l’indicatore specifico per i servizi nell’ambito del Diritto allo Studio (calcolo delle tasse, esoneri, servizi per il diritto allo studio).

Gli studenti e le studentesse che non possono ottenere un calcolo dell’ISEE-DSU, cioè i cittadini non residenti in Italia e cittadini stranieri residenti in Italia ma che non sono autonomi rispetto al nucleo familiare, possono ottenere una riduzione delle tasse attraverso l’ISEE parificato.

Come ottenere l’ISEE-U PARIFICATO

Per ottenere l’ISEE-U parificato, devi rivolgerti a uno dei CAF abilitati al rilascio dell’ISEE Parificato e farsi rilasciare un indicatore sostitutivo dell’ISEE, definito ISEE Parificato.
Oltre alla documentazione relativa a eventuale reddito e patrimonio prodotto in Italia, devi esibire al CAF la documentazione che, per ogni componente del tuo nucleo familiare, attesti:
  • dati anagrafici
  • redditi (anno 2016) prodotti all’estero
  • patrimonio (anno 2017) posseduto all’estero
Tale documentazione deve essere:
  • rilasciata dalle competenti autorità del Paese in cui i redditi sono stati prodotti;
  • tradotta in lingua italiana dalle Autorità diplomatiche italiane competenti per territorio.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com